Bilancio di sostenibilità 2016

Appendice 2 – Nota Metodologica

Nel redigere il primo Bilancio di Sostenibilità abbiamo deciso di ispirarci ad uno standard di rendicontazione universalmente riconosciuto che possa indicare e valorizzare il processo di reporting.
Abbiamo applicato le linee guida del Global Reporting Initiative (GRI) che comprende principi per individuare il contenuto del Bilancio e garantire la qualità delle informazioni e l’informativa standard, che include gli Indicatori di Performance (per misurare e confrontare la performance tra organizzazioni e nel tempo).
Il GRI consente due livelli di compilazione del Bilancio di Sostenibilità, livello “Core”, ossia base, e “Comprehensive”, ossia omnicomprensivo.

Il Bilancio di Sostenibilità 2015 – 2016 testimonia il percorso di MCA Digital verso l’adozione della sostenibilità come modello di gestione basato sul dialogo e il coinvolgimento dei suoi detentori d’interesse, gli Stakeholders.

Rispecchia il perimetro del bilancio finanziario e considera il periodo che va dalla sua costituzione nel gennaio 2015 al 31 dicembre 2016 e sarà redatto con scadenza biennale.

Il Bilancio di Sostenibilità è consultabile e scaricabile dal sito www.mcadigital.it

Per chiarimenti e approfondimenti è possibile inviare una mail a info@mcadigital.it

Nel definire il contenuto del Bilancio di Sostenibilità abbiamo tenuto in considerazione i seguenti principi:

Principi di “contenuto”:

a. Inclusività degli Stakeholders: identificazione e spiegazione agli Stakeholders di come l’Organizzazione ha risposto alle loro aspettative e interessi.
b. Contesto di sostenibilità: presentazione delle performance dell’Organizzazione nel più ampio contesto della sostenibilità nei suoi tre ambiti fondamentali: sociale, ambientale ed economico.
c. Materialità: inclusione solamente degli aspetti che hanno un significativo impatto in ambito economico, ambientale e sociale, ovvero che influenzano il giudizio e le decisioni degli Stakeholders.
d. Completezza: raccolta di tutte le informazioni materiali così come definite al punto precedente.

Principi di “qualità”:

a. Equilibrio: il Bilancio di Sostenibilità deve riportare gli aspetti positivi e negativi dei risultati dell’Organizzazione, in modo da consentire un ragionevole giudizio della performance complessiva.
b. Comparabilità: le informazioni devono essere selezionate, preparate e riportate in maniera coerente, cosicché gli Stakeholders possano valutare i cambiamenti nel corso del tempo e compararli con quelli di altre organizzazioni.
c. Accuratezza: le informazioni dovrebbero essere riportate in maniera sufficientemente accurata e dettagliata in modo da consentire agli Stakeholder di formulare un giudizio sulla performance dell’Organizzazione.
d. Tempestività: il Bilancio di Sostenibilità deve essere redatto a cadenza regolare in modo che le informazioni siano a disposizione degli Stakeholders in modo da prendere decisioni fondate.
e. Chiarezza: le informazioni devono essere messe a disposizione in maniera comprensibile e facilmente accessibile agli Stakeholders che usano il Bilancio di Sostenibilità.
f. Affidabilità: l’Organizzazione dovrebbe raccogliere, registrare, compilare, analizzare e presentare le informazioni e i processi utilizzati per la preparazione del Bilancio di Sostenibilità in modo tale che possano essere oggetto di un esame esterno e che sia stabilita la qualità e la rilevanza delle informazioni stesse.